Stati Uniti giudice JPMorgan, Deutsche dare documenti collegamento argentino

Stati Uniti giudice JPMorgan, Deutsche dare documenti collegamento argentino

NEW YORK Giovedì 26 febbraio 2015 è 7:51

26 febbraio (Reuters) – un giudice degli Stati Uniti ha ordinato Deutsche Bank e JP Morgan Chase e Co a presentare i documenti rilevanti per la trasmissione di notizie del debito Argentina denominata in dollari, ha mostrato documenti del Tribunale.

Secondo i registri del Tribunale datato 25 febbraio, NML Capital, un gruppo di piccoli hedge fund americani continua Argentina sui debiti insoluti derivanti dal suo fallimento al 2002, servito citazioni su banche che cercano informazioni sull’emissione di obbligazioni di Bonar 24 febbraio 9.

Deutsche Bank e JP Morgan è stato ordinato di U.S. Distretto giudice Thomas Griesa di « produrre immediatamente di consigliare per il NML qualsiasi documenti di assegnazione sensibili facilmente accessibile… documenti sufficienti per descrivere il flusso di fondi in relazione il 24s Bonar », il documento ha mostrato. (Dichiarazione di Nate Raymond; Scritto da Richard Lough; Editing da Jeffrey Benkoe)

JP Morgan: il bonus pattern diviso per due

Di Pierre-Yves Dugua | Pubblicato il 16-01-2013 18.52 | Ultimo aggiornamento 17-01-2013 08.58 | Reazioni (0)

Il capo di JP Morgan Chase, Jamie Dimon, è indirettamente responsabile per gli errori che ha permesso un gruppo di commercianti di prendere scommesse troppo rischiose su derivati di credito.Photo credit:LARRY DOWNING/REUTERS

Jamie Dimon è che il caso delle spese ‘la balena di Londra’ costare più di $ 6 miliardi alla banca.

Jamie Dimon, capo di JP Morgan Chase, non è più « il re di Wall Street ». Ridurre del 50% la sua remunerazione, il Consiglio di amministrazione della prima banca degli Stati Uniti ha relegato tra i leader principali più basso pagato di Wall Street.

Suo stipendio nel 2012 è certamente la stessa nel 2011, o $ 1,5 milioni, ma la sua indennità è ridotto a $ 10 milioni: 53,5% in meno rispetto al 2011. Il messaggio è chiaro: Jamie Dimon è indirettamente responsabile per gli errori che ha permesso un gruppo di commercianti di Londra a prendere enormi e molto troppo rischiose scommesse su derivati di credito. Loro speculazioni finito più di 6 miliardi di dollari di perdite nel 2012.

Tuttavia, un rapporto interno di JP Morgan Chase, pubblicato ieri, travolge non Jamie Dimon. Nonostante il cosiddetto « Londrabalena » caso, perché il soprannome dato al commerciante francese che aveva accumulato monumentale posizioni senza supervisione efficace, JP Morgan Chase rapporti nel 2012 del suo terzo anno di fila dei profitti record, di $ 21,3 miliardi, compreso $ 5,7 miliardi nel quarto trimestre.

Queste sono soprattutto i superiori ‘la balena’, in modo che il Chief Financial Officer della banca e la testa di analisi dei rischi, tutti rapidamente sostituito nei giorni che seguirono il crollo del caso l’anno scorso, che sono accusati di questo fiasco.

Goldman Sachs in forma

« Come Presidente e CEO, Jamie Dimon è stato opportunamente affidano alti funzionari che erano per segnalare la situazione direttamente… ». Tuttavia avrebbe potuto più mettere in discussione la sua dipendenza rispetto a ciò che gli era stato detto », prende atto della relazione di collaboratori di Jamie Dimon che da allora sono stati nominati da lui la più alta responsabilità dell’istituzione.

Patrono della banca degli Stati Uniti solo grandi a mai hanno ammesso una perdita trimestrale durante la crisi finanziaria, Jamie Dimon era noto a sé analizzare attentamente gli impegni assunti dalla sua istituzione, impiegando 260.000 persone in tutti i mestieri e credito mercati in ogni continente. Il caso della balena »Londra » ha inferto un duro colpo a questa immagine. Si tratta dal resto di lui sostengono un rimprovero da parte degli Stati Uniti le autorità di regolamentazione. La banca, anche sotto il colpo di un’indagine nel Regno Unito, ricevuto ordine di rafforzare i propri sistemi di controllo del rischio e rivedere le sue pratiche di compensazione esecutivo.

Inoltre, la banca di investimento che Goldman Sachs ha riempito i suoi azionisti mercoledì di pubblicazione trimestrale profitti quasi triplo, a $ 2,89 miliardi. Prestazioni superano le aspettative, grazie ad eccellenti risultati nelle operazioni di trading e le commissioni generate dalla sua attività di titoli per conto dei suoi clienti. Riduzioni di personale del 2,7% rispetto alla fine del 2011 e una diminuzione dell’11% dell’importo accantonato per compensare i propri 32.400 dipendenti, inoltre ha contribuiti ai buoni risultati

La ‘balena’ è costato più di 6 miliardi di JPMorgan

Di Pierre-Yves Dugua | Pubblicato il 12-10-2012 19.16. Aggiornamento 2012-10-13 14.50 | Reazioni (1)

La sede di JP Morgan Chase a New York. Photo credit: a. TIMOTHY CLARY/AFP

Il capo di JP Morgan ha detto quella posizione speculativa aperto dal commerciante francese Bruno Iksil era finalmente in grado di essere chiuso.

Dal nostro corrispondente a Washington

JPMorgan Chase prova a girare la pagina sul caso delle perdite generate dalla balena »Londra ». Che era il soprannome del commerciante francese usato a Londra, scarsamente monitorato dalla direzione della banca più grande degli Stati Uniti. Le sue puntate esorbitanti sui mercati dei tassi, scoperto in tarda primavera, è costata $ 6,25 miliardi alla banca di New York. Costano anche il suo lavoro a questo francese, Bruno Iksil, così come molti dei suoi colleghi e superiori. La reputazione di JPMorgan Chase è stata influenzata anche da questo caso che continua a spostare i regolatori e i funzionari eletti a Washington.

L’importo comprende $ 449 milioni di perdite aggiuntive riconosciute durante il solo terzo trimestre. Jamie Dimon, il boss di JP Morgan Chase, ha detto che potrebbe finalmente chiuso posizione speculativa aperto dalla ‘balena’. Questo è importante perché dal mese di maggio gli azionisti della banca sono stati nell’incertezza riguardo la fattura finale di questo abbaglio monumentale.

Il caso forse non è completo

Alta e umiliante di queste quantità di perdite rispetto ai profitti di $ 5,7 miliardi della banca nel terzo trimestre. Condizione caso forse non è completa: il dipartimento di giustizia monta una cartella per riconoscere i commercianti di manipolazione criminale nascondere inizialmente nella misura delle perdite causate da loro scommesse.

Registrazioni di buccia investigatori di conversazioni telefoniche tra i protagonisti e il loro scambio di messaggi di posta elettronica. Essi sono sentiti discutere di come si possono migliorare le loro posizioni. Il Securities & Exchange Commission, autorità di regolamentazione federale delle società quotate in borsa, è associato con questo sondaggio. Se è dimostrato che dipendenti di JPMorgan Chase hanno deliberatamente cercato di nascondere l’enormità delle perdite che hanno generati, o se è stato dimostrato che essi hanno falsificato documenti per questo effetto, potrebbe essere addebitati nei prossimi mesi.

« Una seconda francese commerciante la perdita gigante di JP Morgan di cui al

« JPMorgan sospetta la sua ex-commercianti di manipolazione

« JPMorgan scosso da una perdita di trading

Sapendo smascheramento come magouilleuse e ASI, che truffati al massimo, genere, la balena che ha costato più di 6 miliardi di JP Morgan, trova il senso che volete è deselezionata nel sospettare, dico a sospettare, e non accusando lui, sapendo che lei potrebbe avere danni consequenziali e interesse e sapendo che non non c’è alcuna prova reale di è che essa avanzata, non possono essere normalmente da allora, non esiste (ha meno, quello che è, per coincidenza entro 15 giorni o 3 settimane, prova effettuata dai servizi segreti sapendo il franchise di queste persone, che, è troppo facile e infetta, se si potesse mettere il reato su un commerciante, come fa la società in generale), con KERVIEL, alcuni, come la banca, I soli sito, JP MORGAN, deviare la loro incompetenza da altro e osiamo pomposamente chiamato banchieri, mi chiamo cela ciarlatani

JPMorgan Chase & Co. trigger BCE prezzo-obiettivo a C$ 61,00 (BCE)

10 febbraio 20150 commenti- Classificato come-diDoug Madison

Tweet

Share on StockTwits

BCE (TSE: A.C.) ha avuto la sua oggettiva hosited di JPMorgan Chase & Co. C$ 56,00 a C$ 61,00 prezzo in un rapporto pubblicato venerdì. JPMorgan Chase & Co ha attualmente un sovrappeso sul lato del magazzino.

JPMorgan Chase & Co. cambiato anche il loro rating su un certo numero di altri stock in pochi giorni. Il gabinetto ha ribadito il rating sulle azioni di Rio Tinto plc (ADR) in sovrappeso. Inoltre, JPMorgan Chase & Co. abbassato il prezzo obiettivo sulle azioni del Banco Santander-Cile da $ 25,50 a $ 24.00. Essi sono in sovrappeso su questo stock. Infine, JPMorgan Chase & Co. aggiornato azioni di Advanced Semiconductor Engineering (ADR) di un neutro accanto a un sovrappeso.

Diversi altri analisti ha recentemente commentavano il brodo. Gli analisti di CIBC sollevato loro prezzo obiettivo sulle azioni di A.C. a C$ 50,00 a C$ 58,00 e ha dato l’azienda un settore rendono nota in una nota di ricerca venerdì. Analisti di Canaccord Genuity Corp sollevato loro prezzo obiettivo sulle azioni di A.C. a C$ 51,00 a C$ 58,00 e ha dato l’azienda un rating di tenere in una nota di ricerca il lunedì, 2 febbraio. Gli analisti di Barclays ha sollevato loro prezzo obiettivo sulle azioni di A.C. a C$ 55,00 a C$ 61,00 e diedero un sovrappeso dell’azienda in una nota di ricerca, il lunedì, 2 febbraio. Infine, gli analisti finanziari Banca nazionale ha sollevato loro prezzo obiettivo sulle azioni di A.C. a C$ 51,50 a C$ 53,00 e la sua società di eseguire un settore ha osservato in una nota di ricerca lunedì, 1 dicembre. Due azioni di ricerca analisti hanno dato il brodo con un lato di vendita, cinque ha ricevuto un rating hold e quattro hanno emesso una valutazione di acquistare dalla società. Lo stock ha un rating di consenso di sentina e una media di prezzo obiettivo di C$ 55,25.

A.C. (TSE: A.C.) aperto venerdì a 54.80. A.C. ha un minimo di 52 settimane di $ 46.43 e un high di settimana $60,20 52. Media mobile 50 giorni dello stock è $55,96 e relativo giorno 200 media mobile è $51,32. L’azienda ha una capitalizzazione di mercato di $ 46048 miliardi e un rapporto c / b del 19.04.

A.C. Inc è un comunicazioni aziendali, fornendo i clienti residenziali, commerciali e all’ingrosso con una gamma di soluzioni per tutte le loro esigenze di comunicazione. L’azienda opera in quattro settori: campana wireline, Bell, Bell Media e Bell Aliant wireless. Bell Canada, che include la sua attività di base, è costituito da suoi segmenti Bell wireline wireless Bell e Bell Media.

J.p. Morgan AM: la BCE deve intervenire più decisivo

Finora, le misure della BCE non hanno frenato il rischio di deflazione nell’Eurozona.

Nel novembre 2011 nucleo (sottostante) di inflazione nell’Eurozona ha raggiunto il 2%, mentre nel Giappone era immerso a – 1,1%. Tre anni più tardi, l’impatto di una risposta decisa dalla Banca centrale sulla deflazione è chiaro: l’indice CPI giapponese (l’indice dei prezzi al consumo) ha continuato la sua crescita lenta, 0,6% [secondo le stime della banca del Giappone (BoJ) che esclude aumento IVA] mentre il titolo dell’inflazione (apparente) della zona euro è sceso solo 0,4%.

Infatti, a lungo termine dell’efficacia politica monetarie BoJ resta da dimostrare, ma i punti deboli della Banca centrale europea (BCE) nella sua lotta contro la minaccia della deflazione sono difficili da ignorare.

La retorica accomodante della BCE la settimana scorsa infatti potrebbe essere il primo passo di una futura operazione di interpolazione quantitativa (QE) e dobbiamo ammettere che la BCE inizia a prendere misure più concrete, quali il TLTRO e il programma per l’acquisto di un portafoglio di titoli asset-backed. Ma per effettivamente respingere la minaccia della deflazione, ora è necessario un’azione più decisa.

La BCE fornisce un’inflazione bassa ma positiva, con un consumatore prezzo indice (IPCA), che dovrebbe raggiungere 1,2% nel 2015 e 1,5% nel 2016 – figure che sembrano ora dovranno essere rivisti verso il basso.

Nonostante la prudenza di previsioni di inflazione la BCE, questi erano regolarmente sopravvalutato le prospettive di inflazione dopo la fine della crisi dell’Eurozona. È quindi legittimo chiedere se la BCE continuerà su questa strada e se il rischio di deflazione è più inclinato che questo è generalmente accettato.

La nostra visione concettuale dell’inflazione prende in considerazione tre fattori. Prima di tutto, l’inflazione dell’offerta – che dal cibo, energia e altre materie prime, che reagiscono rapidamente al processo di formazione dei prezzi nei loro mercati. Quindi, l’inflazione sul lato della domanda – legate ai cambiamenti dei salari reali e che tende a riflettere il divario. Infine, c’è le aspettative di inflazione che, secondo dati storici, evolvono più lentamente e tendono ad essere ripartiti su diversi cicli economici.

Aspettative di inflazione negli Stati Uniti i consumatori (US) sono notevolmente stabili: dal 2000, l’Università del Michigan, sulle aspettative di inflazione a 5-10 anni Mostra hanno fluttuato solo 0,9 punti percentuali – tra 2,5% e 3,4% all’anno – nonostante la recessione più profonda mai registrata dal 1930.

Se non non c’è nessun equivalente serie statistiche per l’Europa, le aspettative per 12 mesi nel prezzo al consumo (uno degli elementi dell’indagine sul senso dei consumatori della zona euro) suggeriscono un costante declino delle aspettative di inflazione aggregati sin dalla crisi.

Ci sono diverse possibili ragioni per la sopravvalutare dell’IPCA dalla BCE, come erronea stima dell’output gap associato o la difficoltà di aggregazione dati diversi da quelle della periferia dei paesi dell’Eurozona e il cuore.

Tuttavia, un’altra spiegazione plausibile è che inflazione aggregato le aspettative sono state che meno radicata del previsto. Questo può essere collegato in parte alla mancanza di dati sulle aspettative inflazionistiche in Europa; Analogamente, un’eccessiva enfasi sulle aspettative inflazionistiche probabilmente superiore all’interno dei paesi del cuore dell’area rispetto a quelli, regolarmente inferiore periferico delle Nazioni potrebbero svolgere un ruolo.

La differenza di stabilità delle aspettative di inflazione tra Stati Uniti (US) e i consumatori europei potrebbe essere dovuto i diversi approcci della Federal Reserve e dalla BCE.

Se non si può negare che la BCE ha già fatto molto sul piano unico della semantica, la Federal Reserve ha risposto più decisamente al declino dell’inflazione: quando il tasso di inflazione a 5 anni in 5 anni negli Stati Uniti è sceso sotto la soglia del 2% nell’agosto 2010, ha implementato il QE-2. Ciò ha provocato in noi consumatori (US) abbiamo avuto appena il tempo di notare il grande passo breve del CPI core indice 0,6% tardo 2010, prima quello stimolo cominciano ad agire e non causano un aumento del tasso di questo indice.

Al contrario, i consumatori europei hanno subito un cocktail di austerità, inerzia della loro banca centrale e il malfunzionamento del loro sistema bancario per un periodo molto più lungo, le nazioni periferiche ora vive con la deflazione.

Sembra che tale contesto ha pesato pesantemente sulle aspettative di inflazione aggregati. Ma anche in questo caso, la persistenza delle aspettative di inflazione bassa in modo sostenibile non tradurre automaticamente in deflazione: la combinazione tossica livelli di inflazione negativa e le aspettative di prezzi più bassi in futuro è infatti necessaria che la deflazione è radicato.

Alla fine degli anni settanta, abbiamo visto che un esempio di deflazione persistente, che del Giappone; altrove, i prezzi di beni e servizi non sono un fenomeno frequente. Tuttavia, le aspettative di inflazione ancorate ad un livello vicino allo zero crea un’asimmetria del rischio: scossa come un brutale declino dei prezzi dell’energia o una a pressione al ribasso sui salari, può portare a un episodio deflazionistico.

L’inflazione nell’area dell’euro, le aspettative sono probabilmente ora ancorata presso un piccolo ma positivo livello e, in mancanza di azione da parte della BCE, dovrebbe rimanere a quel livello. Questo non significa necessariamente un cambiamento di deflazione, ma ci sono effetti collaterali.

Prima di tutto, questa situazione rende vulnerabili Eurozona ammortizzatore deflazionistica, una potenziale Difficoltà per le azioni. In secondo luogo, gli investitori sono suscettibili di mantenere una preferenza per i depositi bancari e obblighi: se le aspettative di inflazione per gli investitori a lungo termine sono ancorate ad un livello basso, quindi sono più probabili essere considerato temporaneo scossa inflazionistica e regolare il loro tasso di risparmio, ma non la composizione del patrimonio di adattarsi.

In terzo luogo, delle aspettative di inflazione bassa per qualsiasi Eurozona rallentando il ritmo di riequilibrio fortemente necessari tra il cuore della zona e la sua periferia. Infine, il rischio di deflazione minacciano di recupero nei paesi periferici indebitati e sono dissuasivo per il capitale di investimento.

Il risultato è interessante: l’inadeguatezza delle misure per stimolare la crescita e l’intasamento dei canali di distribuzione del credito in Europa fanno le imprese e i consumatori meno in grado di trarre vantaggio dalla debolezza strutturale dei tassi di interesse che sono una conseguenza della debolezza dell’inflazione.

Tuttavia, l’internazionalizzazione della media sui mercati obbligazionari che l’Europa effettivamente Esporta questa debolezza dei tassi di interesse di altre regioni, che possono trarre beneficio. In particolare, riteniamo che gli Stati Uniti trovano la manifestazione di campi di battaglia dell’Europa contro la deflazione in compressione dei rendimenti di lungo termine Tesoro americano. A sua volta, le aziende americane (US) consegnare loro rendimento azioni eccezionalmente alto, in parte perché la debolezza del loro finanziamento costa.

Per l’Europa ha iniziato a beneficiare delle prospettive di bassa inflazione e rendimenti delle obbligazioni basso, piuttosto che semplicemente esportarle, la BCE dovrà passare dalle parole ai fatti.

Come mostrato nelle esperienze del Giappone, il Regno Unito e Stati Uniti, essi sono, in definitiva, misure di stimolo, non promesse, che permettono l’incremento nelle aspettative di inflazione a lungo termine.

In conclusione, riteniamo improbabile entrata in deflazione nell’area dell’euro nel suo complesso; ma fino a questa minaccia è scomparso, le basse rese in Europa potrebbero beneficiare più nelle altre regioni per gli europei stessi.

Publicités

Laisser un commentaire

Entrez vos coordonnées ci-dessous ou cliquez sur une icône pour vous connecter:

Logo WordPress.com

Vous commentez à l'aide de votre compte WordPress.com. Déconnexion / Changer )

Image Twitter

Vous commentez à l'aide de votre compte Twitter. Déconnexion / Changer )

Photo Facebook

Vous commentez à l'aide de votre compte Facebook. Déconnexion / Changer )

Photo Google+

Vous commentez à l'aide de votre compte Google+. Déconnexion / Changer )

Connexion à %s